Benvenuti nel sito ufficiale di informazione turistica della Provincia di PiacenzaScudo Piacenza

EX CENTRALE ELETTRICA EMILIA

via Nino Bixio, 27
Descrizione
I lavori di costruzione iniziarono nel 1925 e terminarono nel 1928. L'impianto occupa un'area complessiva di 26.000 mq, di cui oltre 6.700 coperti. Tutti gli edifici che compongono l'impianto presentano una struttura a travi e pilastri in calcestruzzo armato, abbinato ad un tamponamento in muratura di mattoni piani a riempimento delle specchiature individuate dalle intelaiature in calcestruzzo armato. Ciò rappresenta un'importante testimonianza dell'architettura industriale di quegli anni ed un rilevante esempio di applicazione sperimentale del calcestruzzo armato nell'edificazione industriale. Una radicale ristrutturazione venne effettuata nell'immediato dopoguerra con l'acquisizione di altri 30.000 mq d'area industriale. Gli impianti sono stati definitivamente dismessi nel dicembre 1985.

Attenzione: la centrale non è aperta al pubblico.

Piero Portaluppi - Architetto (Milano 1888, 1967). E stato uno dei nomi più eminenti del rinnovamento architettonico dell'Italia settentrionale. Costruì diverse centrali elettriche e, con M. Semenza, vinse nel 1929 il concorso per il piano regolatore di Milano; qui costruì il Planetario e numerose case di abitazione. Lavorò molto anche a Buenos Aires e a S.Paolo del Brasile.

Proprietaria della ex Centrale Elettrica Emilia è attualmente la Edipower S.p.A.

Ufficio informazioni turistiche di riferimento
Data di aggiornamento
Mercoledì, 08 Marzo 2017
Informazioni a cura dei Servizi di Informazione e Accoglienza Turistica dei Comuni di Bobbio, Borgonovo V.T., Castell'Arquato, Piacenza e Vigolzone