Benvenuti nel sito ufficiale di informazione turistica della Provincia di PiacenzaScudo Piacenza

ABBAZIA DI SAN COLOMBANO

piazza Santa Fara
Descrizione

L'Abbazia di San Colombano è un monastero che venne fondato da San Colombano nel 614 a Bobbio, ed un tempo sottoposto alla sua regola monastica e all'ordine di San Colombano.
Sorge nel centro del tessuto urbano della cittadina, che si formò poco per volta attorno alla vasta area occupata dal monastero.
Essa fu per tutto il Medioevo uno dei più importanti centri monastici d'Europa, facendone fra il VII ed il XII secolo una Montecassino dell'Italia settentrionale; infatti è resa famosa dallo Scriptorium, il cui catalogo, nel 982, comprendeva oltre 700 codici e che dopo la dispersione in altre biblioteche conservò 25 dei 150 manoscritti più antichi della lettura latina esistenti al mondo.
Divenne abbazia matrice dell'ordine monastico la cui potenza si estendeva sia in Italia che in Europa, grazie a numerose abbazie e monasteri fondati dai suoi monaci fin dall'epoca longobarda.
In Italia del nord si creò rapidamente il feudo monastico di Bobbio, poi sostituito dalla "contea vescovile di Bobbio".

La Basilica fu costruita tra il 1456 ed il 1522, sopra i resti della chiesa conventuale anteriore al 1000. Essa presenta all'interno, numerosi affreschi che decorano le due navate minori ed il transetto, eseguiti da Bernardino Lanzani e da un suo aiutante intorno agli anni 1527-1530. Vicino all'ingresso a sinistra, vi è la vasca battesimale del VII secolo che secondo la leggenda la regina Teodolinda donò a San Colombano e dove lui stesso celebrò il primo battesimo (un tempo era collocata nella cripta).  L'abside è stranamente rettangolare ed asimmetrico ed è slegato al resto della chiesa. Esso fu costruito negli anni 1456-1485, sostituendolo al precedente di forma ovale.
Nella cripta vi sono:

  • La cappella maggiore, con il mosaico pavimentario di San Colombano dell'XI secolo.
  • La cripta vera e propria, con il sarcofago di S. Colombano al centro, opera di Giovanni de' Patriarchis (1480), il sepolcro di Sant'Attala (2º abate), e il sepolcro di San Bertulfo (3º abate), con le loro transenne marmoree longobarde usate come lastre tombali sopra gli antichi affreschi, la cancellata transenna in ferro battuto del X secolo e la cappella di San Colombano a sinistra con la statua bianca del santo in grandezza naturale ed un antico affresco della Madonna dell'Aiuto.

Attualmente la Basilica è una parrocchia del vicariato di Bobbio, Alta Val Trebbia, Aveto e Oltre Penice della Diocesi di Piacenza-Bobbio. Vi si tengono le funzioni religiose solo nei giorni festivi. La festa annuale è il 23 novembre, festa del santo patrono di Bobbio, San Colombano. 

Sono visitabili: la Basilica, il Museo dell'Abbazia, il chiostro interno e il corridoio, il Museo della Città collocato nell'ex refettorio.

Orario Feriale
Basilica 8.00 - 19.00
Orario Festivo
Basilica 8.00 - 12.30, 14.30 - 19.00
Periodi di apertura
Tutto l'anno
Tariffa d'ingresso
Ingresso gratuito alla Basilica e al chiostro
Ufficio informazioni turistiche di riferimento
Data di aggiornamento
Mercoledì, 06 Marzo 2019
Informazioni a cura dei Servizi di Informazione e Accoglienza Turistica dei Comuni di Bobbio, Borgonovo V.T., Castell'Arquato, Piacenza e Vigolzone