Benvenuti nel sito ufficiale di informazione turistica della Provincia di PiacenzaScudo Piacenza

LA VAL LURETTA

Descrizione

La Val Luretta si incunea tra la val Trebbia ad est e la val Tidone ad ovest, inizia alle pendici del monte Serenda (759 m.) dove le due valli si riuniscono e si estende da una zona collinare fino alla pianura Padana dove il torrente omonimo confluisce nel Tidone.
Il torrente Luretta è formato dalla confluenza di due rami: quello di Monteventano che nasce al Moiaccio e quello di San Gabriele che nasce a Groppo. Ha una portata limitata e durante le estati secche l'acqua smette di scorrere.
Essendo una vallata chiusa, e con una sola strada di una certa importanza che la collega alla val Trebbia (strada provinciale n° 65 della Caldarola),  rimane una zona molto tranquilla e priva di traffico con un ambiente naturale integro.
Territorio ricco di castelli, ricordiamo alcuni dei fortilizi presenti nella valle: Castello di Agazzano (perfettamente mantenuto e visitabile), il Castello della Bastardina, il complesso della Boffalora (non visitabile, ma il cui perimetro è percorribile grazie ad un sentiero ideale per le passeggiate),  Castello di Lisignano (ben conservato ma non visitabile), Castello di Momeliano, Castello di Rezzanello (castello e parco perfettamente mantenuti e sede di eventi), Castello di Montecanino (attualmente in cattivo stato di conservazione, restano solo alcuni corpi architettonici adibiti ad abitazione privata), Fortilizio di Pavarano (restaurato e non visitabile)

Questa valle fa parte del territorio culturalmente omogeneo delle Quattro Province, caratterizzato da usi e costumi comuni e da un repertorio di musiche e balli molto antichi. Strumento principe di questa zona è il piffero appenninico.

Essenzialmente agricola, con allevamento di bovini e cavalli, maneggi, produzione di vini e formaggi. Numerosi sono le trattorie e i ristoranti, sparsi anche nelle più piccole frazioni, che propongono i piatti della cucina piacentina e i vini locali.

Data di aggiornamento
Giovedì, 16 Febbraio 2017
Informazioni a cura dei Servizi di Informazione e Accoglienza Turistica dei Comuni di Bobbio, Borgonovo V.T., Castell'Arquato, Piacenza e Vigolzone