Benvenuti nel sito ufficiale di informazione turistica della Provincia di PiacenzaScudo Piacenza

RASSEGNA PHOTO '17 - GUERCINO E ALTRI VIAGGI DI RITORNO

San Pietro in Cerro, Piacenza
Descrizione
RASSEGNA PHOTO '17 - GUERCINO ED ALTRI VIAGGI DI RITORNO
La fotografia ex post, tra luogo, storia e identità dal 15 settembre al 19 novembre 2017 a Fiorenzuola d'Arda 
 
Un rientro a casa spesso è l’inizio del racconto. Non a caso, una delle più grandi narrazioni di un viaggio mai tramandate è quella del ritorno di Ulisse ad Itaca. Perché a volte è a posteriori che si percepiscono meglio le realtà lasciate alle spalle. È nel ricordo elaborato che la visuale del tutto si completa, con lo sguardo all’indietro, perché un viaggio non è compiuto senza il nostos, il ritorno. La fotografia è lo strumento ex-post per eccellenza, una visione meditata sul territorio, un diario visivo di lettura intima e personale, continuamente attesa tra luogo e identità. Questo il tema di PHOTO’17 che avrà quest’anno un testimone d’eccezione: il Guercino, uno scrittore con la luce ante litteram il quale, nel suo ideale rientro a casa dopo il suo soggiorno piacentino, si fermerà a Fiorenzuola per suggellare, attraverso le gigantografie di Marco Stucchi, un’edizione assolutamente speciale del festival
Dal
16 Settembre 2017
Al
19 Novembre 2017
Tariffe
mostre ad accesso libero e gratuito
Organizzazione
Club Cinefotografico di Fiorenzuola
Programma
Venerdì 15 settembre ore 21:00
Castello di San Pietro in Cerro 
Camilla Biella, Davide Di Seclì, Giorgio Villa
LA NOTTE DEI TABARRI
Un “amarcord” fotografico ricordando lo straordinario evento organizzato l’anno scorso dal veterinario Piero Carolfi presso l’Azienda Agricola I Ronchi a Baselicaduce, con la partecipazione di Sandro Zara, titolare del Tabarrificio Veneto e in collaborazione con Gli amici del Tabarro, per una notte magica e ricca di suggestioni che, attraverso gli scatti dei fotografi Camilla Biella, Davide Di Seclì e Giorgio Villa, potremo ripercorrere visivamente. La mostra fotografica si inaugura in occasione della proiezione del film di Alessandro Scillitani “In viaggio sul Po” con la partecipazione straordinaria del regista e di Paolo Rumiz. L’evento espositivo è in collaborazione con: Associazione Le Terre Traverse - Translands, Associazione Castelli del Ducato, Strada del Po e dei Sapori della Bassa Piacentina.
Fino al 24 settembre, sabato e festivi 10-12:30 e 15-18:30

Domenica 17 settembre ore 10:30
Sede CCF, piazza Caduti 1 - Fiorenzuola d'Arda 
Antonio Ferraroni
FIGLI DEL VULCANO
Sull’isola di Java in Indonesia, da oltre quarant’anni circa 400 minatori si calano ogni giorno tra i fumi tossici del vulcano attivo Ijen per estrarre lo zolfo da una grande miniera all’interno del cratere. Lavorando in condizioni disumane, respirando gas nocivi senza alcuna protezione, la loro aspettativa di vita spesso non va oltre i 50 anni, eppure essi trasportano per chilometri sulle loro spalle dei carichi di minerale che arrivano anche al doppio del loro peso, tra esalazioni asfissianti e salite durissime. Nonostante esista il progetto di una teleferica per trasferire le lastre di zolfo a valle, i minatori preferiscono ancora lavorare a 6 Euro al giorno in queste condizioni, perché rappresenta una paga superiore alla media e che consente loro di avere più garanzie sulla sopravvivenza dei propri figli.
In questo girone di dannazione infernale è sceso per noi, con rispetto e curiosità, Antonio Ferraroni, non un fotoreporter alla ricerca di facili scoop. Infatti, soltanto fotografie come le sue sono capaci di farci entrare in punta di piedi nella dura realtà di questi uomini, padri di famiglia e -a loro volta- figli di un dio crudele, ma anche nella dignità delle loro vite, delle loro comunità. Egli è il nostro testimone nell’emozione che impregna ogni singola immagine, accogliente e mai commiserevole, drammaticamente lucida ma aperta ad una speranza. 
All’inaugurazione sarà presente Alberto Prina, organizzatore del Festival della Fotografia Etica di Lodi.
Fino all’8 ottobre, lunedi, mercoledi e venerdi 21-23, domenica 10-12 e 17-19

Venerdì 29 settembre ore 21:00
Sede CCF, piazza Caduti 1 - Fiorenzuola d'Arda
Carlo Pagani dialoga con Gaetano Rizzuto (già direttore di Libertà)
PIACENZA CON VISTA
Si parla della nuova guida di Piacenza, realizzata dalla casa editrice Scritture in collaborazione con la libreria Fahrenheit 451. Un percorso che segue la direzione dei viaggiatori europei passati per queste terre nel corso dei secoli: da Porta Milano verso Sud, uscendo da Porta Genova per il mare o, diversamente, per Bologna. La guida si apre con il Po e si risolve verso la provincia, le colline, l’Appennino. In mezzo c’è un percorso a spirale che si avvicina al centro della città passando per i luoghi più rappresentativi di una civiltà antica e moderna, classica e contemporanea, che si rivela a strati, a luci intermittenti e immagini di secoli diversi anche in un medesimo luogo: templi, musei, edifici civili e strade hanno più di una vita.

Martedì 3 ottobre ore 21:00
Cinema Capitol, largo Gabrielli 6, 29017 - Fiorenzuola d'Arda 
Don't Blink - Robert Frank
(documentario, 2015, regia di Laura Israel, 82 minuti)
Robert Frank è riluttante a rilasciare interviste; uno dei fotografi più famosi del mondo non vuole posare davanti all'obiettivo di un'altra persona. Questa scena da un'intervista, rivela già molto sulla sua personalità e la sua concezione dell'arte. “è meglio...”, dice, “...se le persone non si accorgono che li state fotografando”. I suoi ritratti sono istantanee che catturano il momento - nel vero senso della parola - sia che raffigurano la vita dei banchieri di Londra, i minatori gallesi o rock star, come le pietre. Robert Frank si apre davanti alla telecamera del suo collaboratore e redattore di lunga data Laura Israel e guarda indietro, sicuro di sé, ma anche con auto-critica, alla sua vita e al suo lavoro.
INGRESSO LIBERO offerto in collaborazione con Cinema Capitol e Cooperativa Galassia Gutenberg

Venerdì 6 ottobre ore 21:00
Sede CCF, piazza Caduti 1 - Fiorenzuola d'Arda 
Carla Danani, Sergio Signorini
NE’ BUSSOLA, NE’ OROLOGIO
La fotografia documenta meglio lo spazio o il tempo? Attraverso l’analisi di alcune immagini simboliche ed evocative di questo dualismo, assisteremo ad un dialogo in sincronicità tra una docente di Filosofia ed un Architetto che parleranno di fotografia come mezzo per misurare quello Spazio e quel Tempo dove riponiamo la nostra vita. Sarà occasione di cogliere più di uno spunto di riflessione su quali (veri o falsi) valori abbiano preso il sopravvento nell’odierna società dell’immagine.

Venerdì 13 ottobre ore 19:30
Agriturismo Casa della Memoria Casella
Località Frascale, San Protaso - Fiorenzuola d'Arda 
Andrea Micheli
LAPSUS
Lapsus - Scatti d’umore e pensieri d’autore, è il terzo libro di Andrea Micheli edito da Skira. Un libro fatto da 130 fotografie, contemporaneo per lo strumento (l’immagine) e, allo stesso tempo, pieno di tradizione per la cura e i ricordi che suscita. Fotografie a colori e in bianco e nero con accompagnate da pensieri di protagonisti del mondo della cultura e della letteratura, della musica e del cinema, dell’arte e dell’architettura. Da Renzo Piano a Umberto Eco, da Gianni Berengo Gardin a Gherardo Colombo, da Massimo Gramellini a Ferruccio de Bortoli. Lapsus è un libro fotografico pieno di sentimento che ha bisogno di tempo per essere compreso e amato. Fotografie scattate da Andrea Micheli e raccolte come fossero aforismi. Non è un caso se ognuna è presentata da estratti, considerazioni, impressioni di persone che hanno scritto o stanno scrivendo la storia d’Italia, e non solo. Foto che racchiudono molti sentimenti e che spesso hanno come soggetto la coppia. Coppia di amanti e di amici, di animali, di oggetti. Come a voler rimarcare la necessità di poter vivere una vita piena solo se condivisa.
Al termine dell’incontro, firmacopie e possibilità di cena con l’autore.
Info & prenotazioni: M +39 339 4578683
Evento in collaborazione con Associazione Le Terre Traverse - Translands

Sabato 14 ottobre ore 17:00
Galleria-Atelier SMart, via Liberazione 12 - Fiorenzuola d’Arda 
Monica Bellonzi
#QUIeORA
Un tempo erano foto ricordo. Viaggi, vacanze, gite scolastiche. Oggi, la voglia di esserci, di dimostrare agli altri che c’eravamo anche noi, si è trasformata -velocemente- oltre la tecnologia dello strumento di documentazione. Il “selfie” è entrato nel palmo della mano di tutti noi e, quando anche il braccio non basta, c’è la prolunga telescopica. L’Hic et nunc è così diventato un hashtag, compulsivamente comunicato al mondo, quasi urlato, per dire: io sono qui. Ora. Monica Bellonzi è invece un’artista sensibile, che ama ciò che fotografa: con rispetto, racconta le storie di viaggiatori da autoscatto, vede le loro fragilità, così indifesi nella loro tenerezza, colti in quel momento sublime in cui il loro sorriso fa il giro del web. Silenzio: non disturbiamoli.
La mostra è ospitata presso la galleria d’arte SMart, atelier di lavoro dell’artista Sonia Mazzetta, che l’anno scorso ha donato una sua opera alla città di Fiorenzuola.
Aperture fino al 28 ottobre con i seguenti orari: sabato 14 e domenica 15 ottobre: 10-13 e 15-20. Dal 16 al 29 ottobre: lunedì, martedì, mercoledì, venerdì: 10-12 e 16-19, sabato 10-12:30, giovedì e domenica chiuso. Altri orari su appuntamento: M +39 347 4517087

Sabato 14 ottobre ore 18:00
Ex Macello, Largo Gabrielli - Fiorenzuola d'Arda 
Marco Stucchi
GUERCINO ED ALTRI VIAGGI DI RITORNO
A conclusione dell’avventura espositiva del Guercino a Piacenza, abbiamo immaginato che il pittore di Cento, prima di ritornare a casa, si sia fermato per una sosta a Fiorenzuola e, con l’aiuto di Marco Stucchi, il fotografo che meglio di altri ne ha immortalato l’opera, grazie a scenografiche fotografie a grandezza naturale realizzate appositamente per PHOTO’17, verrà offerto al pubblico un modo nuovo ed esclusivo di tornare ad ammirare gli affreschi nella Cattedrale che hanno affascinato oltre 100.000 visitatori. I Profeti, le Sibille e le scene della vita di Gesù, potranno essere viste fin nei più minuziosi dettagli, come mai prima d’ora era stato possibile mostrare, per un’esperienza tra l’arte del passato e la fotografia del futuro.
Inaugurazione musicale con la Sunday Orchestra, diretta dal M° Fabrizio Francia.
Fino al 1° novembre, Martedì ÷ Domenica dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 19. Lunedì chiuso

Domenica 15 ottobre ore 10:00
Fondazione Verani-Lucca,
viale della Vittoria - Fiorenzuola d’Arda 
Collettivo CCF
UN VIAGGIO DI CENTO ANNI FA
Mostra fotografica in occasione del centenario della morte del giovane Prospero Verani, i cui genitori vollero far sorgere il centro assistenziale a lui dedicato.
Fino al 6 gennaio 2018, tutti i giorni, orario 10-13 e 15-19

Domenica 15 ottobre ore 10:30
Chiesa della Buona Morte (già Oratorio della Natività della Beata Vergine Maria), via Liberazione - Fiorenzuola d’Arda
Valter Ferrari
DOVE IL SILENZIO È SOSPESO
Una raccolta di scatti in un bianco e nero forte, inciso, duro come l’arso calcare sul quale sono avvinghiate, quasi a fatica, le semplici costruzioni di Matera, patrimonio Unesco dal 1993. Attraverso il suo occhio, con uno stile fotografico classico e puro, l’autore ci mostra le tradizioni passate, le condizioni di vita degli abitanti, gli antichi Sassi e ciò che oggi rimane di questa suggestiva e pittoresca città della Lucania.
Fino al 29 ottobre tutti i giorni, solo pomeriggio, orario 16-19

Domenica 15 ottobre ore 11:00
Sede CCF, piazza Caduti 1 - Fiorenzuola d'Arda
Mario Vidor
LA NUVOLA PERFETTA
Nelle fotografie in bianco e nero della serie La nuvola perfetta, Mario Vidor riprende un paesaggio campestre che si stacca dal suo referente reale per diventare uno scenario immaginifico.
La capacità di creare, attraverso un'inquadratura quasi cinematografica, un mondo onirico e sospeso in una bolla aeriforme conferma la coerenza stilistica dell'artista.
Gli elementi alla base del lavoro dell’artista nascono solo in parte da uno stimolo esterno: in realtà a innescare l'atto fotografico sono considerazioni nate nel profondo della sua interiorità, che proprio attraverso la fotografia l'autore mira infatti a renderle complete e visibili. “L’elemento che stimola la mia attenzione prima dello scatto - afferma lo stesso Vidor - è una riflessione su qualcosa che ho in mente e cerco di completarla. Provo ad individuare un sentimento, un pensiero, un'immagine, intesa in senso totale, che sia importante da trasmettere come messaggio e l'emozione che provo non è con il mondo ma con la fotografia in se stessa”.
Oltre a numerosissimi premi e riconoscimenti, ha tenuto oltre 290 mostre personali nelle principali città italiane e all’estero.
Fino al 29 ottobre, Lunedì, Mercoledì e Venerdì 21-23, Domenica 10-12 e 17-19

Domenica 15 ottobre a partire dalle ore 18:00
Centro Storico, Fiorenzuola d'Arda 
Compagnia Teatrale “Ancora Senza Nome”
FOTOGRAFIA? TUTTA UNA MESSA IN SCENA
Quali sono le foto più famose della Storia? Conoscete chi sono i loro autori, il luogo ed i personaggi ritratti? La Compagnia Teatrale “Ancora Senza Nome” vi porterà a scoprirle nel centro storico di Fiorenzuola in modo divertente e creativo, coinvolgendo il pubblico e guidandolo nel comporre autentici tableaux vivant che riprodurranno alcune tra le fotografie più conosciute.

Sabato 21 ottobre ore 18:00
Casa delle Associazioni, ​​via Musso, 3/5 - Piacenza 
Stefano Giogli
TUTTO è FOTOGRAFABILE - Guardare per vedere l’(in)visibile
Imparare a Vedere, appropriarsi dello sguardo per essere coscienti del perchè una determinata cosa attira la nostra vista e si è in grado di riconoscerla, cosa si cela sotto la superficie di questa attrazione. Ciò che vogliamo dire, ciò che vogliamo vedere su quanto di fatto vediamo. Questo processo è meccanico nel momento in cui si scatta una fotografia: inizia nel momento stesso in cui si mette a fuoco un particolare, escludendo tutto ciò che non rientra nell’inquadratura. Escludere “il resto del mondo” è il primo passo per definire ciò su cui ci si sta focalizzando. Tutto è fotografabile.
Al termine dell’incontro, possibilità di cena con l’autore presso l’agriturismo Boschi Celati, in via Donizetti​​​​​​​​​​, 29122 Fossadello di Caorso PC, tel. +39 0523 822128
Evento organizzato dal Gruppo Fotografico Ideaimmagine - Piacenza

Domenica 22 ottobre ore 21:30
ex Scuola di Baselica - Fiorenzuola d'Arda
Giulio Nori
Idomeni Blues. Un posto sulla terra
“Idomeni blues - un posto sulla terra” è l’esito di un lavoro realizzato dal fotografo parmigiano Giulio Nori tra il 25 e il 28 marzo 2016 nel campo di Idomeni, ai confini tra la Grecia e la Macedonia, in quello che è stato definito da un politico greco “la Dachau dei nostri giorni”. Lungo i binari abbandonati della vecchia stazione del villaggio greco hanno vissuto da marzo a maggio dell’anno scorso -in condizioni precarie ai limiti dell’umano ma con una grande forza di resistenza- oltre diecimila profughi dal Medio Oriente, in maggioranza siriani, afghani e iracheni, arrivati ai confini dell’Europa occidentale con mezzi di fortuna, la maggior parte lasciando i loro risparmi o debiti ai trafficanti di esseri umani. “Idomeni blues” è un lavoro di indagine sull’uomo là dove vive il dramma del viaggio e della perdita del paesaggio proprio; è uno sguardo sull’umanità profondo che veicola una drammaticità non ostentata.
La serata sarà arricchita dalla musica di Diego ed Elia Baioni, rispettivamente alla chitarra e al contrabbasso.
Evento in collaborazione con Associazione Matassa e Le Giraffe Associazione di Documentazione Sociale.

Martedì 24 ottobre ore 21:00
Cinema Capitol, largo Gabrielli 6, 29017 - Fiorenzuola d'Arda
Koudelka fotografa la Terra Santa
Un film di Gilad Baram. Titolo originale: Koudelka Shooting Holy Land.
Documentario, durata 72 min. Germania, Repubblica Ceca, 2015. Distribuzione: Lab 80 Film. 
Per cinque anni, nel corso di diverse visite protratte dal 2008 al 2012, il giovane fotografo e regista israeliano Gilad Baram ha accompagnato il celebre fotografo dell’agenzia Magnum Josef Koudelka nel suo lungo viaggio in Terra Santa, fornendo assistenza, supporto logistico e traduzioni, dalle 7 del mattino fino alla scomparsa della luce. L'esperienza gli ha fornito l'occasione di realizzare un documentario che affianca le fotografie in bianco e nero scattate da Koudelka ai filmati che riprendono il processo creativo e solitario di uno dei più grandi maestri viventi della fotografia a Gerusalemme est, Hebron, Ramallah, Betlemme e in vari insediamenti israeliani dislocati lungo il percorso della barriera che separa Israele e Palestina.
INGRESSO 5 Euro

Domenica 5 novembre ore 10:30
Sede CCF, piazza Caduti 1 - Fiorenzuola d'Arda 
Adolfo Panarello, Stefano Morbelli
Wandering Souls
Le opere immaginarie (immaginate, vivificate) di Stefano Morbelli prendono subito decisamente per mano, lasciandosi percorrere una ad una e, in quell’infinito attimo di ricerca della loro comprensione, piegato alla densità delle quotidiane sovrastrutture, d’un tratto lasciano liberi, soli, quasi sospesi.
Il mondo intorno all’improvviso ci valica e ci fa vedere oltre. Il viaggio continua, ciclico, scandito da fulminei idilli, puntellato da piccoli involucri emotivi, posti ordinatamente l’uno accanto all’altro. Arrivati sin qui, poco importa quale sia la forma dell’anima, avendone segretamente colto pienamente l’essenza errante, vivida, impalpabile, solida, indecifrabile, intima.
Fino al 19 novembre, lunedi, mercoledi e venerdi 21-23, domenica 10-12 e 17-19

Venerdì 10 novembre ore 21:00
Sede CCF, piazza Caduti 1 - Fiorenzuola d'Arda 
Linda Vukaj dialoga con Giorgio Lambri, giornalista di “Libertà”
MOMENTUM - Tempo, Spazio, Momento e il loro straordinario equilibrio nella fotografia
La fotografia è la sua grande passione. Viaggi, storie di vita e di tutti i giorni dei luoghi e delle persone che la circondano, sono i suoi soggetti preferiti. Ha esposto le sue fotografie a New York, Berlino, Pristina, Belo Horizonte - Brasile oltre che in Italia - a Parma, Reggio Emilia, Cesena e Modena. Ha vinto premi nazionali e internazionali e realizzato diverse pubblicazioni. Tra i più importanti progetti si segnalano i progetti “Pezull - Sospeso”, Kenya - Joy of Life, “Terre Verdiane - Luoghi. Persone. Opere”, una mostra itinerante nei Teatri della Regione Emilia-Romagna, realizzata in collaborazione con ERT - Emilia Romagna Teatro Fondazione e in partnership con UniCredit, e l’ultimo progetto/ricerca “Parallel Lands” presentato a Fotografia Europea 2015.
Interventi musicali con chitarra acustica della cantautrice Grazia Cinquetti.
Data di aggiornamento
Venerdì, 15 Settembre 2017
Informazioni a cura dei Servizi di Informazione e Accoglienza Turistica dei Comuni di Bobbio, Borgonovo V.T., Castell'Arquato, Piacenza e Vigolzone